Giovedì, 25 Febbraio 2016 17:53

Il recupero dati da un Mac

Scritto da 

Come bisogna agire quando si ha a che fare con un Mac che non si avvia? Farsi prendere dal panico è quasi normale, soprattutto se si pensa alla vasta mole di file e informazioni che possono essere contenuti nel dispositivo. Niente paura, però, perché è sufficiente rivolgersi a un centro di recupero dati specializzato per ritrovare tutti i dati presenti. L'utilizzo di hardware e software all'avanguardia, il ricorso alla tecnologia più recente e la disponibilità di una lunga esperienza nel settore sono tutti elementi che, combinati tra loro, permettono di ottenere un risultato ottimale.

Consultando il sito www.recoveryfile.it, si ha la possibilità di scoprire più nel dettaglio che cos'è di preciso un centro di recupero dati, come lavora e in che modo può tornare utile se ci si trova tra le mani un Mac che sembra non funzionare più. In questo caso, è fondamentale fare riferimento alla camera bianca, un ambiente che viene trattato in modo specifico allo scopo di essere privo di qualsiasi tipo di agente contaminante: non a caso viene definita anche clean room. In questo contesto si procede a un trattamento studiato in ogni particolare per favorire il recupero dei dati, dalle immagini ai contenuti testuali, dai file audio ai video.

Una camera bianca non è altro che un ambiente di lavoro reso totalmente asettico grazie alla presenza di cappe a flusso laminare, che purificano l'aria (basti pensare che l'aria di una clean room è 50mila volte più pulita rispetto all'aria normale) attraverso la creazione di un flusso laminare di aria. In questo modo, i dispositivi su cui si lavora (computer, hard disk, cd, microSD e così via) non sono soggetti a "intrusioni" o aggressioni dall'esterno, visto che anche una semplice particella è in grado di comprometterne il funzionamento e di provocare danni più che consistenti. Non è difficile comprenderne il motivo, soprattutto se si pensa alle dimensioni microscopiche dei componenti chiamati in causa.

Ecco, quindi, che nel caso sfortunato in cui ci si trovasse davanti a un Mac che non funziona più, non si avvia o comunque non permette di accedere ai dati che vi sono contenuti, il consiglio è quello di non cercare di sistemare il danno da soli, a maggior ragione se non si dispone delle competenze informatiche necessarie: è molto meglio, invece, fare affidamento su un centro di recupero dati e sui suoi tecnici qualificati, in grado - con i programmi e le strumentazioni del caso - di diagnosticare con facilità e rapidità il problema e, così, di favorire il recupero dei file. Chi fosse interessato a questo tipo di servizio non deve fare altro che richiedere un preventivo personalizzato, che verrà fornito in modo completamente gratuito, in modo da conoscere le tariffe previste per il suo caso.

Letto 1181 volte